Header Ads

Portualità e logistica fattori di successo per il paese


8 aprile 2019 - A Seatec 2019 si discute di economia del mare estesa alla portualità professionale e alle complesse relazioni che legano tra loro i porti in un sistema di trasporti ad ampio raggio con il convegno “La Filiera Logistico/Portuale - Portualità e Logistica quali fattori di successo per lo sviluppo del paese” iniziativa organizzata da IGB Srl in collaborazione con IMM CarraraFiere. In apertura ha preso la parola Lorenzo Forcieri evidenziando come nonostante le grandi discussioni sul tema e le aspettative degli ultimi tre anni non c’è stato il rilancio auspicato rispetto ai provvedimenti di legge intrapresi.

 Portualità e logistica sono fattori di successo per il Paese, ma serve una ripresa generale di operatività del sistema guidata non dalla politica, ma da scelte fatte dal mercato. Per Forcieri il Governo deve limitarsi ad attribuire le destinazioni finanziarie, lasciando poi che i soggetti destinatari degli investimenti siano autonomi.

A quasi tre anni dalla riforma Delrio è necessario riprendere in mano le decisioni politiche per valutare i risultati ottenuti rispetto agli obiettivi che erano stati posti. Carla Roncallo, Presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale, intervenuta anche in rappresentanza di Assoporti, ha evidenziato come Assoporti abbia svolto in questi 3 anni un ruolo di coordinamento importante su vari temi; in parziale disaccordo con Forcieri, ha poi espresso la propria visione ed esperienza rispetto agli effetti della riforma Delrio sui porti di La Spezia e Marina di Carrara, che sono cresciuti grazie alla positiva sinergia creatasi e grazie al fatto che movimentano traffici diversi, che quindi risultano complementari.
“Io sostengo questa riforma – ha spiegato Roncallo – la cui validità è data dai numeri: il porto di La Spezia registra nel 2018 un consolidamento del traffico contenitori con una movimentazione complessiva di 1.485.623 TEU (+0,8% ) - il TEU è un’ unità equivalente a un container da 20 piedi – Il porto di Marina di Carrara è addirittura passato da 1.400.000 tonnellate di merci movimentate nel 2015 a chiudere l’anno trascorso con un incremento complessivo del traffico merci a banchina del 9,5% pari a 2.496.000 tonnellate movimentate, e con una previsione per il 2019 di arrivare a 3 milioni, il che significa un incremento del 115% in 4 anni.
Questa ottima performance è coincisa con l’aumento del numero di operatori sul porto, passati da uno a tre dopo un’attività anche controversa intrapresa rispetto alla concessione esistente, introducendo la gara e quindi permettendo l’ingresso a due nuovi soggetti. In sintesi, si dimostra che la concorrenza fa bene. L’altro aspetto su cui si sta lavorando è il project financing sul settore croceristico per arrivare ad investire 41 milioni di euro in nuove infrastrutture destinate ai croceristi, un altro settore in forte crescita che avrà una ricaduta importante sull’economia del territorio.
Abbiamo introdotto una clausola affinché gli investimenti vengano fatti anche a Marina di Carrara, con la costruzione di un piccolo terminal e indicando un numero minimo di passeggeri da portare. E’ partito anche il progetto waterfront, che ci auguriamo di concludere presto procedendo con gli appalti, grazie ai 20 milioni di euro concessi dalla Regione Toscana e gli ulteriori 8 milioni e 800.000 dal Ministero delle Infrastrutture destinati ai primi 3 lotti.”

Nessun commento

Powered by Blogger.