Header Ads

Accordo ITF - ICS sull'adeguamento del salario minimo dei marittimi

26 novembre 2018 - ITF (International Transport Workers Federation), e ICS (International Chamber of Shipping), riunite a Ginevra il 19 e 20 novembre presso il Sottocomitato sui salari dei marittimi della Joint Maritime Commission dell’ILO (International Labour Organisation), hanno raggiunto un accordo sull'adeguamento del salario minimo dei marittimi concordando un aumento di 27 $USA nell'arco dei prossimi 3 anni del salario dei marittimi qualificati, per un aumento complessivo del +4,5% dei salari rispetto alla base attuale di 614 $USA suddiviso in un aumento di 4 $USA a partire dal 1° luglio 2019, seguito da un aumento di 7 $USA dal 1° gennaio 2020 per finire con un ultimo aumento di 16 $USA dal 1° gennaio 2021.

 Le parti hanno fornito argomentazioni ragionate e previsioni economiche a sostegno delle rispettive posizioni, compresa la volatilità del settore marittimo e la necessità di riconoscere l'impegno dei marittimi e la necessità di concordare condizioni eque e sostenibili.
"È stata una trattativa difficile con due valutazioni molto diverse su ciò che riserva il futuro per lo shipping e la gente di mare - ha ammesso Mark Dickinson, portavoce dei marittimi - Abbiamo iniziato lentamente, ma abbiamo acquisito slancio mentre le parti si scambiavano opinioni e fornivano argomenti a sostegno delle loro posizioni. I principi del dialogo sociale, che è la base di un'industria più efficiente, equa e progressista, sono stati ancora una volta dimostrati dall'unità dell'industria marittima nel garantire un risultato accettabile da tutte le parti". 
Ha aggiunto,
"È un esempio di cui le parti sociali dovrebbero essere contente. "
"Continueremo a lavorare insieme per trovare il modo di garantire che la formula dell'ILO utilizzata come base per questi negoziati sia equa e rispecchi la realtà per i marittimi. L'impatto di questa sessione dei negoziati JMC sulla comunità mondiale dei marittimi è senza dubbio un risultato buono ed equo". 
Max Johns, portavoce degli armatori, ha detto che
 "a seguito di discussioni attive sulle attuali difficili sfide del nostro settore e sull'importanza di preservare l'occupazione futura per la gente di mare, sono lieto di affermare che siamo stati in grado di lavorare insieme per venire a un risultato accettabile per entrambe le parti".

Nessun commento

Powered by Blogger.