Header Ads

Al porto di Trieste la riforma è già in applicazione


28 settembre 2019 - Zeno D'Agostino, del quale a breve verrà formalizzata la nomina a Presidente dell'Autoritàdi Sistema dell'Adriatico Orientale, apprezza le linee della Riforma per la Legge 84 del 1994 e rimarca come lo Stato centrale “si riappropria di un ruolo di coordinamento delle infrastrutture nazionali. In passato è mancata la pianificazione con elementi ridondanti e lacune". Citando il project financing come metodo di lavoro, l'attuale Commissario ha indicato il Piano nazionale della logistica e dei trasporti come faro da seguire nell'applicazione della nuova normativa.

Il 26 settembre scorso, alla ripresa autunnale delle serate conviviali al Propeller Club di Trieste, argomento di discussione è stata proprio la Riforma in alcuni degli aspetti più significativi, con analisi che hanno riguardato anche il mondo dello shipping internazionale. Presente anche il Segretario Generale dell'Authority triestina, Mario Sommariva, che ha focalizzato l'attenzione sull'istituenda Agenzia del Lavoro Portuale, citandola ad esempio di collaborazione tra pubblico e privato, non sulle infrastrutture ma sulle risorse umane.

Oltre a D'Agostino, relatori dell'incontro sono stati il professor Sergio Bologna, l'avvocato Francesco Maria Di Majo (coautore dell’iniziativa di studio sulla portualità italiana della Presidenza del Consiglio), il professor Marco Spinedi (presidente di Interporto Bologna e membro del Comitato Scientifico di Osservatorio Asia) e il neo presidente degli Agenti Marittimi del Friuli Venezia Giulia, Alessandro de Pol.

“Giustissima l'idea di coordinare tutti i Porti. Tutti i Porti volevano ingrandirsi nei terminal container e portavano avanti la propria politica a Bruxelles". Con questo commento in apertura della relazione, il professor Sergio Bologna, presidente di Aiom (Agenzia Imprenditoriale Operatori Marittimi) Trieste e grande esperto nelle tematiche dello shipping internazionale, ha voluto ricordare che da pochi giorni è stato messo a disposizione di tutti il rapporto della Corte dei Conti europea sulla situazione degli scali nel vecchio continente.

Nessun commento

Powered by Blogger.