Header Ads

Innalzata la security a MARSEC 2 nei porti italiani



13 agosto 2016 - Nei porti italiani è stato innalzato il livello di sicurezza portandolo a Marsec 2 (su un livello massimo pari a tre).
Tutte le Capitanerie avrebbero avuto ordine di attenzionare il traffico passeggeri nei porti senza escludere i passeggeri e le navi da crociera.
Al di là delle più fantasiose ipotesi che proliferano sui media nazionali bisogna riconoscere che un’allerta così circoscritta lascia intendere una informativa dei Servizi altrettanto circoscritta nei contenuti.
Certamente l’operatività del sistema portuale nazionale già penalizzato dai mille problemi locali sarà messo a dura prova nei prossimi giorni quando le misure saranno operative in tutti i porti, rallentando non solo le operazioni relative al transito dei passeggeri e dei crocieristi nei terminal, ma rallentando anche i flussi ai varchi portuali e creando problemi al traffico merci.
Al fine di comprendere meglio i probabili disagi di seguito riportiamo sinteticamente cosa prevedono i livelli di sicurezza a cui si fa riferimento.
Ricordiamo che i livelli Marsec 1-2-3 sono specificati nella convenzione SOLAS, alla quale aderisco oltre 100 Paesi, compreso tutta l’EU, che descrive tutti gli strumenti necessari e le prassi per la salvaguardia della vita umana in mare (e non solo). La convenzione è estremamente articolata e la prima stesura risale all’indomani dell’affondamento del TITAC. Nel corso degli anni sono state sviluppate ed applicate ulteriori versioni fino all’ultima adottata dopo l’attentato alle torri gemelle.
MARSEC 1: rappresenta il livello più basso di sicurezza, ovvero il normale livello di minaccia generica contro le infrastrutture del Porto. Gli impianti dovrebbero effettuare le seguenti attività per evitare o tenere sotto controllo incidenti dovuti al trasporto o alla movimentazione di merci o persone:
  • assegnare risorse sufficienti per realizzare le funzioni prescritte di sicurezza;
  • controllare le restricted areas per accertarsi che soltanto le persone autorizzate abbiano accesso;
  • controllare l’accesso all’impianto;
  • controllare e vigilare la port facility in questione, comprese le aree operative;
  • sorvegliare la sicurezza dei depositi della nave e del carico;
  • accertarsi che le comunicazioni di sicurezza siano prontamente disponibili.
MARSEC 2: oltre alle misure previste dal MARSEC livello 1, vanno adottate ulteriori misure
indicate negli allegati A e B dell’ISPS Code, che sono:
  • assegnare personale aggiuntivo alle operazioni di controllo e sorveglianza delle zone perimetrali del Porto;
  • autorizzare preventivamente, verificandone le necessità, l’accesso delle persone all’interno dell’infrastruttura;
  • incrementare il controllo lungo la banchina, dove è ormeggiata la nave, in accordo con lo Ship Security Officer;
  • limitare l’accesso a specifiche aree dell’Autorità Portuale (APO) alle sole persone che hanno una reale e comprovata necessità ad accedervi;
  • incrementare il controllo delle merci caricate a bordo delle navi;
  • aumentare la sorveglianza per individuare eventuali attività che si configurino come sospette;
  • incrementare il numero di containers controllati.
MARSEC 3: rappresenta il massimo livello di sicurezza ed indica che una nave specifica od una infrastruttura del Porto sono state identificate come obiettivi e che la minaccia è altamente probabile od imminente.
A questo livello di sicurezza vanno adottate le seguenti ulteriori misure:
  • massimizzare l’uso dei dispositivi di sorveglianza e sicurezza;
  • proibire l’accesso al Porto;
  • mettere in sicurezza tutti gli accessi del Porto;
  • considerare la possibilità di interrompere le operazioni di carico e scarico delle merci;
  • eseguire tutte le disposizioni dell’Autorità Marittima, delle Forze dell’Ordine e della Direzione per quanto riguarda specifiche attività;
  • sospendere gli arrivi delle navi fino a quando il livello di sicurezza sarà riportato a MARSEC 2;
  • assicurarsi che tutte le navi ormeggiate siano informate del livello di MARSEC in atto;
  • attivare la sorveglianza lato mare;
  • prepararsi ad evacuare totalmente o parzialmente il Porto.

Maurizio De Cesare

Nessun commento

Powered by Blogger.