Header Ads

Ottime performance del Banco di Napoli


14 aprile 2016 - Supera tutte le previsioni il bilancio 2015 del Banco di Napoli. L’utile netto dell’azienda creditizia del gruppo Intesa Sanpaolo registra infatti 146,1 milioni di euro rispetto ai 99,5 milioni del 2014 (+46,8%), mentre gli impieghi salgono a 18 miliardi (+5%) e i finanziamenti erogati raddoppiano dai 2,5 miliardi del 2014 ai 5,5 miliardi del 2015. E raggiungono 48,8 miliardi di euro (+2%) le attività finanziarie alla clientela che toccano quota 2 milioni 123mila. L’incremento è di 16.500 unità rispetto al 2014.

Le sofferenze al netto degli accantonamenti, inoltre, segnano il 5%, mentre si mantiene stabile il grado di copertura delle attività deteriorate (54,8% contro il 55,1% del 2014). “Nonostante la moderata crescita dell’economia nazionale, sono numeri che lasciano intravedere ulteriori margini di sviluppo nei prossimi anni”, afferma il direttore generale del Banco, nonché responsabile regionale Sud di Intesa Sanpaolo, Francesco Guido.

Nei primi tre mesi del 2016, infatti, crescono sia la raccolta del risparmio (+500 milioni rispetto al primo trimestre 2015), i mutui (+120%), i finanziamenti alle imprese (+41%) ed i nuovi clienti (oltre 3.300). Tra le regioni comprese nell’operatività del Banco di Napoli, la Basilicata e la Puglia registrano la dinamica migliore (rispettivamente 0,4% e 0,3%), superiore anche al dato meridionale mentre la Campania rileva una crescita ancora più leggera (0,1%) e la Calabria presenta un trend invariato.

Sostiene la crescita dell’economia meridionale una dinamica dell’export più vivace. In quest’area del Paese le esportazioni aumentano del 3,5% rispetto allo stesso periodo del 2014 (+4,2% in Italia): l’andamento positivo dell’area Sud (+7,9%) riesce infatti a compensare il calo delle isole legato alla componente petrolifera (-4,4%).
 Eduardo Cagnazzi

Nessun commento

Powered by Blogger.