Header Ads

Giovanni Abete: è a rischio la tenuta dell’industria metalmeccanica

26 giugno 2020 - “C’è bisogno di misure urgenti che, da un lato, sostengano il settore colpito in pieno dalla crisi, dall’altro favoriscano la ripresa di una domanda sia sul fronte interno che internazionale”. Giovanni Abete, Presidente della Sezione Industria Meccatronica di Unione Industriali Napoli, chiede maggiore attenzione per l’industria metalmeccanica. Lo fa in occasione de “I Giorni della Metalmeccanica”, l’iniziativa articolata su scala nazionale da Federmeccanica.
 “L’industria metalmeccanica”, prosegue Abete, “è un punto di forza della nostra economia, ma proprio per questo, in una fase drammaticamente anomala come quella originata dalla pandemia, vanno prese tempestivamente misure in grado di salvaguardare per il possibile livelli produttivi e occupazionali”.

Abete sottolinea come la produzione nel bimestre marzo-aprile rispetto a quello precedente sia crollata maggiormente “in comparti come quello degli autoveicoli (-74,9%) e degli altri mezzi di trasporto (60,2%), in cui l’impresa campana ha una grande tradizione e presenze qualificate. Dobbiamo riuscire presto a recuperare il terreno perduto. Le imprese sono pronte a reagire come sempre hanno fatto, puntando sull’innovazione e l’eccellenza di processi e prodotti. E’ tuttavia indispensabile un’azione istituzionale che, a ogni livello chiamato in causa, dimostri con i fatti di supportare le aziende. Dal soddisfacimento di esigenze di liquidità immediata, a cominciare dalla rapida attuazione di interventi previsti e al momento non fruibili dalle imprese, al rilancio di una politica industriale per accelerare la modernizzazione del settore e dell’intero sistema produttivo nazionale”.

Nessun commento

Powered by Blogger.