Header Ads

Siot: al terminale marino arriva la “Rava”, petroliera numero 20.000


10 agosto 2019 - La numero uno fu “Daphnella”, prima petroliera ad attraccare al Terminale Marino della Siot il 13 aprile 1967. 52 anni dopo il nome che viene iscritto nella storia della compagnia è quello della “Rava”, che il 9 agosto 2019 è diventata la petroliera numero 20mila a scaricare il greggio nell’infrastruttura che collega il porto di Trieste alle raffinerie di Austria, Germania e Repubblica Ceca.
“Siamo felici di celebrare l’arrivo della ventimillesima nave al nostro Terminale Marino - commenta il presidente di SIOT-TAL Alessio Lilli - un passaggio storico per la nostra azienda ma anche per le economie di Trieste, del Friuli Venezia Giulia e del centro Europa. 20mila petroliere con il loro carico trasportato in sicurezza durante questi 52 anni si traducono in Trieste primo porto d’Italia, in un indotto economico di milioni di euro ogni anno che produce posti di lavoro, in conoscenze e competenze che valorizzano il tessuto economico dei territori attraversati dal nostro oleodotto. Quello di oggi non è un traguardo ma una pietra miliare, un punto di partenza per il futuro, per le prossime 20mila navi che accoglieremo ancora in massima sicurezza per il bene della nostra economia e della nostra regione”.
 Si tratta di un anno importante per SIOT, oltre a girare la boa delle 20mila petroliere attraccate, nel 2019 si è registrato anche il miliardo e mezzo di tonnellate di greggio scaricate. Indicatori di un settore strategico con ricadute economiche positive sull’economia sia locale che internazionale. Il valore aggiunto prodotto dall’attività della SIOT verrà analizzato e valutato in uno studio sull’impatto economico di SIOT sul territorio e presentato nei prossimi mesi.

Nessun commento

Powered by Blogger.