Header Ads

Jadrolinija RoPax, sistemi di trattamento delle acque reflue di ACO Marine


21 agosto 2019 - Preparandosi ai nuovi requisiti delle acque reflue, l'operatore croato di traghetti Jadrolinija ha adattato tre delle sue navi roll-on / roll-off passeggeri (RoPax) con le unità di trattamento delle acque reflue di ACO Marine. Le tre navi gemelle da 87,6 m, Sveti Krševan, Supetar e Cres, erano dotate ciascuna di un impianto di trattamento delle acque reflue di tipo biologico Clarimar MF-2 nel cantiere navale Dalmont di Kraljevica, in Croazia.

La Fornitrice italiana, partner tecnico ACO Marine nella regione, ha completato la messa in servizio del sistema a bordo di Cres, l'ultima nave della serie, a maggio. L'attrezzatura per tutte e tre le modifiche è stata consegnata al cantiere tra dicembre 2018 e gennaio 2019. Il contratto comprendeva anche la fornitura di disegni di installazione dettagliati al cantiere e l'emissione dei certificati di approvazione richiesti dal Registro navale croato (HRB).

Prima dell'installazione e della messa in servizio delle unità Clarimar, i traghetti con capacità di 600 passeggeri non trattavano i flussi di acque reflue ma raccoglievano invece l'effluente in serbatoi di contenimento. “Lo stoccaggio dei flussi di acque reflue di una nave nei serbatoi di bordo non è la soluzione più efficiente dal punto di vista operativo.

L'uso delle strutture portuali di accoglienza può essere costoso e anche ritardare i tempi di riconsegna delle navi ", ha affermato Mark Beavis, amministratore delegato di ACO Marine. Come spiegato, la decisione di Jadrolinija di installare a posteriori il suo trio di navi con un'unità di trattamento delle acque reflue è stata guidata dalla necessità normativa.

La tecnologia ACO è stata selezionata attraverso una gara pubblica. Fino a poco tempo fa la Croazia non disponeva di norme rigorose o dettagliate che disciplinano lo scarico delle acque reflue nelle sue acque costiere. Tuttavia, nel 2015 le autorità croate hanno completato il progetto di controllo dell'inquinamento delle città costiere, ponendo fine alle pratiche indiscriminate di scarico e imponendo soluzioni per il trattamento e il monitoraggio degli scarichi di acque reflue.
"Prevediamo una serie di ordini da parte di operatori navali con sede in Croazia che intendono adeguare i sistemi di trattamento delle acque reflue per soddisfare i nuovi requisiti",
 ha aggiunto Beavis.

Nessun commento

Powered by Blogger.