Header Ads

Il porto di Civitavecchia rispetta i limiti in materia ambientale


11 giugno 2019 - L’allarmismo riportato in questi giorni su alcuni organi di stampa riguardo all’inquinamento delle navi da crociera contrasta con quanto quotidianamente certificato dagli Organi di vigilanza e controllo preposti alla salvaguardia della salute, e dell’ecosistema in generale, che attestano il costante impegno delle istituzioni e degli armatori a ridurre le emissioni concordemente con quanto stabilito dal Governo e dalla Commissione UE circa l’eliminazione dei combustibili fossili, nel medio termine, anche per il settore dei trasporti. Il porto di Civitavecchia, da anni, ha attivato un programma di monitoraggio della qualità dell’aria degli ambiti portuali e peri-portuali attraverso l’installazione di una centralina di monitoraggio gestita da ARPA Lazio, integrata con le altre presenti sul territorio regionale, che ha certificato un costante rispetto dei limiti fissati dall’OMS e recepiti nel D.lgs. 155/2010, che sconfessa quanto riportato in una pubblicazione redatta da una società estera non avente alcuna correlazione con le istituzioni nazionali o comunitarie. Anche il 15 maggio 2019, giornata in cui si è registrato in porto il record di presenze di navi (20 navi tra traghetti, crociere e navi commerciali) non sono stati superati i limiti di emissione nell’aria previsti per legge, come risulta inequivocabilmente dai dati della centralina dell’ARPA Lazio.
 “Queste tecnologie non possono emettere ossidi di zolfo – sottolinea il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Francesco Maria di Majo - in quanto tale sostanza non è presente nel GNL o nelle batterie che alimentano le navi in sosta. Nella pubblicazione, alla base dei recenti articoli di stampa, non vi è traccia di queste o altre evoluzioni tecniche, mentre oggi la stragrande maggioranza delle navi da crociera è equipaggiata con scrubbers e altri dispositivi destinati esclusivamente a purificare i fumi di scarico che, nella pubblicazione di cui trattasi, non sono stati considerati, così come i nuovi motori di bordo a ridotte emissioni di ossidi di azoto”.

Nessun commento

Powered by Blogger.