Header Ads

Ritorna il Salone Franchising Milano


16 aprile 2019 – Più di 17mila visitatori, registrando un +15% rispetto alla precedente edizione. Ben 200 gli espositori, con una superfice espositiva aumentata del 18%. Questi i numeri in crescita constante del Salone Franchising Milano che, in vista della 34esima edizione, si fa portavoce di un comparto in piena salute: secondo il Rapporto Assofranchising 2018, infatti, il giro d’affari complessivo del 2017 è pari a circa 25 miliardi di euro, con un +2,6% rispetto al 2016.

Dati da record e in perenne aumento, con un potenziale sfruttato solamente per il 7% e quindi con margini di sviluppo ancora altissimi. Ed è con queste ottime premesse che Campus Fandango Club, con il patrocinio della Regione Lombardia e grazie alla collaborazione del Main Partner Assofranchising e dei partner istituzionali Confimprese e Federfranchising, danno appuntamento a tutti dal 24 al 26 ottobre presso Fieramilanocity, per una tre giorni piena di contenuti tutti volti al business e al suo incremento.

 Il Salone Franchising Milano è un evento professionale della distribuzione orientato a supportare l’incontro tra franchisor, franchisee e potenziali franchisee, per sviluppare innovazione nella filiera del commercio nell’accezione più ampia del termine: e-commerce, retail, comportamenti d’acquisto, servizi, tecnologie e marketing.

È la manifestazione leader in Italia per il mondo del franchising, nonché l’appuntamento più importante per coloro che guardano al futuro per intraprendere un’attività commerciale con particolare attenzione alle soluzioni più innovative.

 Un settore in rapida espansione che vede i più giovani a far da traino: secondo i dati del Rapporto Assofranchising 2018, i franchisee di età compresa tra i 36 e i 45 anni rappresentano oltre il 64% del totale, seguiti a ruota da imprenditori ancora più giovani, compresi fra i 25 e 35 anni, che rappresentano il 24,6%. Anche le donne giocano un ruolo da protagoniste: il franchising al femminile, infatti, incide sul totale dei licenziatari per il 35,6%.

Nessun commento

Powered by Blogger.