Header Ads

Andrea Scarpa nominato Vicepresidente di Fedespedi


13 aprile 2019 - La Presidente di Fedespedi Silvia Moretto, nella riunione del Consiglio Direttivo di martedì scorso, ha nominato Andrea Scarpa presidente di ASSOSPED Venezia, tra i quattro Vicepresidenti della Federazione, attribuendogli anche la presidenza della Maritime Advisory Body ( una delle ex Sezioni di Fedespedi).

Gli altri tre Vicepresidenti sono Domenico De Crescenzo (Coordinatore di Confetra Mezzogiorno, Napoli) Alessandro Pitto, (Presidente di Spediporto, Genova) e Betty Schiavoni (Presidente ALSEA Milano). La nomina di Andrea Scarpa alla Vicepresidenza e alla Presidenza della Maritime Advisory Board, conferma il ruolo strategico del Nord Est nel sistema logistico nazionale, un ruolo fondamentale per una delle aree del Paese più industrializzate e vocate all’esportazione. La Maritime AB si occupa di tutti temi dello shipping, dai rapporti con le compagnie di navigazione fino alla portualità, sia nazionale che internazionale.
 “Ringrazio la Presidente Silvia Moretto e il Consiglio Direttivo per questa nomina – commenta Andrea Scarpa- che mi affida anche temi strategici per la nostra categoria. E’ un incarico importante, viste le sfide che ci attendono. Certamente una delle questioni centrali per il futuro della nostra categoria è quello dei rapporti con le Compagnie di Navigazione che sempre di più tendono ad offrire, oltre al trasporto, altri servizi, a partire da quelli doganali, che sono invece specifici della nostra professione. E’ una “deriva” che dobbiamo contrastare, anche perché ad essa si accompagna la progressiva concentrazione delle Compagnie in “alleanze” che danno origine a pochissimi grandi gruppi.
Rischiamo di andare verso un oligopolio di fatto e credo che l’Antitrust dovrebbe riflettere sull’opportunità di avere esentato dalle regole questo settore. Un altro tema importante è certamente quello del futuro dei nostri porti nell’ambito del progetto Nuova Via della Seta, di cui si discute molto in queste settimane. Bisogna stare attenti ad evitare che una opportunità si trasformi poi in una perdita di controllo di infrastrutture strategiche per la nostra economia quali sono i porti. Ci sarà modo di discuterne e ragionare a fondo nel prossimo futuro”

Nessun commento

Powered by Blogger.