Header Ads

Le opportunità del settore crocieristico in Cina


27 febbraio 2019 – Durante il forum dal titolo “The China-Italy business relationship – partnerships building the future” tenuto presso la Stazione Marittima di Trieste, Giuseppe Bono, AD di Fincantieri ha affermato:
“Mai come in questo momento la Cina è un interlocutore importante a livello globale nello scenario economico e industriale e, grazie anche agli ottimi rapporti istituzionali sviluppati negli anni tra i due paesi, ha individuato nell’Italia un partner preferenziale. La nuova Via della Seta è la via scelta dalla Cina per la sua espansione nel mondo dall’Asia, all’Africa, all’Europa e in tale contesto Fincantieri da tempo ha intravisto le straordinarie potenzialità di partnership industriale rappresentate da questo grande Paese.
Agendo come first mover in ambito navalmeccanico infatti, ci siamo accreditati come il Gruppo che collaborerà con la Cina per la creazione di un’industria cantieristica locale e per lo sviluppo di una supply chain dedicata alle attività crocieristiche, ma anche cantieristiche e marittime in generale.
Attraverso questa joint venture infatti Fincantieri oggi è in grado di creare in Cina ulteriori opportunità di sviluppo anche per le piccole e medie imprese italiane del proprio indotto, consolidando con successo i rapporti con i maggiori gruppi del settore in Cina, e allo stesso tempo di continuare a fare altrettanto in Occidente, sfruttando il boom del comparto crocieristico e mantenendo le leadership acquisite.
È significativo peraltro che per questo ambizioso progetto la Cina abbia scelto i due migliori player presenti sul mercato: Fincantieri come partner industriale e Carnival per la parte armatoriale, leader mondiale nel settore crocieristico e principale cliente di Fincantieri. Tale joint venture oggi rappresenta una delle principali operazioni di collaborazione industriale tra Cina e Italia e potrà consentire in futuro lo sviluppo di nuove partnership tra le due società."
 Bono ha poi concluso:
“Il progetto cinese è grandioso e un’imperdibile opportunità per l’Europa perché non va dimenticato che la Cina è un paese complesso e interessato all’unità, all’autonomia, alla competitività dell’Europa e questo rafforza l’importanza per l’Italia di guardare oggi più che mai in quella direzione".

Nessun commento

Powered by Blogger.