Header Ads

Authority e tasse da pagare, Assoporti “Ci opporremo alla Commissione Ue”

6 febbraio 2019 - Assoporti sosterrà il Governo italiano nell’opporsi alla decisione della Commissione Ue che considera aiuti di Stato gli attivi di bilancio delle Autorità di sistema portuale italiane. Lo ha detto al Propeller Club di Trieste il presidente Zeno D’Agostino, partecipando alla conviviale dedicata proprio alle ultime comunicazioni dell’organismo europeo.
D’Agostino, peraltro, non ha nascosto una certa insofferenza per come vengono condotte queste procedure in sede comunitaria.
«Le Autorità di sistema portuale - ha detto D’Agostino, che è anche alla guida di quella del Mare Adriatico orientale - sono la longa manus del Governo e non fanno impresa. Se lo fanno, lo fanno attraverso società che pagano le tasse. Chiedo quindi a Bruxelles di fare le cose per bene». 
Della questione si è discusso ascoltando il punto di vista degli operatori portuali e dopo un’efficace introduzione dell’avvocato Alberto Pasino, partner di Zunarelli Studio associato. A lui è spettato il compito di illustrare la normativa di riferimento nell’intera vicenda, spiegando come la Commissione europea abbia già valutato in passato la tesi secondo la quale lo Stato non può pagare tasse allo Stato. E gli esiti non sono stati propriamente favorevoli a chi la sosteneva. Sono altre quindi le strade che l’Italia dovrà percorrere per far valere le proprie ragioni perché, ha ricordato l’avvocato Pasino,
 «... per lo Stato italiano le Autorità di sistema portuale sono enti pubblici non economici e non sono soggetti a tassazione». 

A conclusione degli interventi, il presidente del Propeller Club di Trieste, Fabrizio Zerbini, ha fatto notare come “questa ulteriore incertezza del diritto” non renda tranquilli gli investitori nazionali ed esteri, soprattutto per investimenti di lungo periodo, e sia di rilevante danno per l’Italia. Ha ribadito, inoltre, che in un contesto di concorrenza tra i Porti, tutti devono uniformarsi alle leggi europee in merito mentre, allo stato attuale, non è così.

Per questo motivo, secondo Zerbini, è auspicabile un intervento dirimente della Commissione europea. A proposito della concorrenza, il presidente ha aggiunto che deve essere fatta sulla specializzazione dei diversi Porti e non sul “tutti fanno tutto”, obbligando ad investimenti pubblici plurimi, costosi e senza vantaggi per il sistema Italia.

Nessun commento

Powered by Blogger.