Header Ads

Energia rinnovabile per i porti italiani


6 gennaio 2019 – Sono state rese note le Linee guida per la redazione dei documenti di pianificazione energetico-ambientale dei sistemi portuali: la finalità è di proporre l'uso delle rinnovabili e la riduzione dei consumi di energia primaria. Ogni infrastruttura portuale e il complesso delle attività che in essa si svolgono, hanno un rilevante impatto ambientale in termini di qualità dell’acqua e dell’aria, delle emissioni in atmosfera, del consumo di suolo e di risorse, di una maggiore produzione di rifiuti.

Secondo il Dlgs 169 del 2016 le Autorità di sistema portuale devono promuovere la redazione del Documento di pianificazione energetica e ambientale del sistema portuale (DEASP), con il fine di perseguire adeguati obiettivi, con particolare riferimento alla riduzione delle emissioni di CO2. Saranno determinanti gli indirizzi strategici per l’implementazione di specifiche misure per migliorare l'efficienza energetica e per promuovere l'uso delle energie rinnovabili in ambito portuale.

Per la corretta redazione del DEASP, il Ministero dell'Ambiente, con il decreto direttoriale 408/2018, ha pubblicato le linee guida, con l'obiettivo di "proporre una serie di soluzioni tecnologiche che consentano di ridurre l’impiego di energia primaria a parità di servizi offerti, privilegiando le tecnologie maggiormente rispettose dell’ambiente".

Nessun commento

Powered by Blogger.