Header Ads

Port Mobility: di Majo (AdSP Tirreno Centro Sett.) “Non ci sono posti di lavoro a rischio”.


29 dicembre 2018 -
“L’eventuale revoca di uno dei servizi (segnatamente quello del navettamento dei crocieristi) che fanno parte della concessione affidata direttamente a Port Mobility non determinerà la perdita di alcun posto di lavoro”,
 lo afferma il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Francesco Maria di Majo.
 “È doveroso precisare che non ci saranno contraccolpi occupazionali perché Port Mobility, per questo servizio, è sempre ricorsa ad affidamenti in favore di terzi”,
 precisa il presidente dell’AdSP.

 “Quanto alle richieste di salvaguardia di lavoro e occupazione che arrivano da autorevoli esponenti politici di tanti partiti e movimenti mi preme evidenziare che per evitare danni all’occupazione e all’economia è compito dell’AdSP assicurarsi non solo che vengano sempre osservate le regole applicabili all’aggiudicazione di appalti e all’affidamento dei servizi pubblici di interesse generale ma anche di vigilare sul corretto svolgimento dei servizi affidati e ciò a beneficio dell’utenza portuale che chiede servizi efficienti e tariffe trasparenti commisurate ai costi dei servizi erogati”.

 “Proprio per parlare di occupazione, sviluppo, trasparenza e legalità - continua di Majo - promuoverò appositamente per metà gennaio un incontro con le forze politiche che vorranno prendervi parte nel quale potranno essere ulteriormente chiarite le direttrici del lavoro che da mesi, con la struttura dell'Adsp, stiamo portando avanti”.
 “Per quanto riguarda in particolare l’avvio della procedura di revoca del servizio di navettamento dei crocieristi, si tratta dell'ultima fase di una lunga istruttoria da parte dell’ente che fa seguito ad un procedimento attivato presso l'Autorità di Regolazione dei Trasporti nel 2017 che si è concluso con una delibera di tale Autorità con la quale l’AdSP è stata invitata a garantire, attraverso i principi di evidenza pubblica che disciplinano il ricorso al mercato, la trasparente commisurazione delle tariffe del servizio di navettamento”,
 spiega di Majo.
“La decisione finale - precisa ancora il Presidente - in merito alla parziale (in quanto riguarda uno solo dei diversi servizi affidati alla società Port Mobility) revoca della concessione sarà assunta solo successivamente alla valutazione delle controdeduzioni che la stessa Port Mobility formulerà in risposta alle eccezioni sollevate.” 
 “A tal proposito ieri, da parte di Port Mobility, ci è pervenuta una richiesta di proroga, di dieci giorni, per presentare le controdeduzioni”,
 rivela di Majo.
 “Una proroga che sarà concessa a testimonianza che da parte dell’ente non vi è alcun atteggiamento pregiudizialmente contrario all’azienda”,
 assicura il presidente dell'AdSP.

Nessun commento

Powered by Blogger.