Header Ads

Il nuovo piano europeo per gli investimenti esterni


25 gennaio 2018 - Martedì 16 gennaio, ha avuto luogo alla Farnesina la conferenza di presentazione del “Nuovo piano europeo per gli investimenti esteri. L’iniziativa imprenditoriale in Africa e nel Mediterraneo”, promossa dalla rete di ONG “Link 2007 – Cooperazione in Rete” con il supporto della Cooperazione allo Sviluppo italiana. La conferenza è stata aperta dagli interventi del ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, e del ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda.

Si sono poi succedute le sessioni tematiche con rappresentanti di Istituzioni, ONG e imprese. Hanno chiuso i lavori il vice ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Mario Giro, il segretario generale della Farnesina Elisabetta Belloni. Ha presieduto i lavori il Presidente di “Link 2007” Paolo Dieci.

La Conferenza ha approfondito le possibilità di attrazione degli investimenti privati per uno sviluppo più inclusivo e sostenibile in Africa e nel Mediterraneo con particolare riferimento al nuovo Piano Europeo per gli Investimenti esterni, al relativo Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile, all’offerta delle Garanzie a copertura del rischio, all’assistenza tecnica, alla promozione di contesti favorevoli agli investimenti e, più in generale, al sostegno finanziario europeo e nazionale nelle diverse forme (blending).

Il Piano offre delle garanzie di copertura del rischio, oltre all’assistenza tecnica e alla promozione di contesti favorevoli agli investimenti, rendendo disponibili per il triennio 2018-2020 finanziamenti per 4,1 miliardi di euro, con 1,5 destinati alle garanzie, che dovrebbero consentire di generare attraverso l’effetto leva investimenti per un valore presumibile di 44 miliardi.

Nel prossimo bilancio UE 2021-2027 la disponibilità potrebbe essere decuplicate a 40 miliardi con investimenti prevedibili per 400 miliardi. Il Piano si concentrerà ora in particolare sull’individuazione di potenziali investitori e di progetti su cinque settori individuati come prioritari: energie rinnovabili e cambiamento climatico, digitalizzazione e innovazione, PMI e accesso diffuso al credito, agricoltura e agri-business, sostenibilità della grandi città. Oltre 300 persone hanno partecipato all’evento nella sala delle Conferenze Internazionali della Farnesina tra esponenti del mondo imprenditoriale, del settore non profit e rappresentanti di organizzazioni internazionali e delle rappresentanze diplomatiche presenti a Roma, a dimostrazione del forte interesse che ha suscitato il Piano europeo. Tra le aziende presenti all’evento la SMS Engineering.

Nessun commento

Powered by Blogger.