Header Ads

Eni con l’Italia: 21 miliardi di euro nei prossimi quattro anni


15 maggio 2017 – Il Presidente del Consiglio italiano, Paolo Gentiloni, e l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, hanno incontrato presso i laboratori di ricerca Eni di Bolgiano una rappresentanza di studenti e Professori delle scuole superiori, delle Università e Master in Italia, che con Eni sono coinvolti in progetti di formazione quali l’alternanza scuola-lavoro, l’apprendistato di primo livello, corsi di laurea magistrale e master nell’ambito del settore energia.

All’evento hanno partecipato anche gli studenti della Scuola Mattei, che da 60 anni offre formazione post universitaria in ambito energetico, a studenti italiani e stranieri, portando avanti lo storico impegno di Eni nella formazione e crescita dei giovani. Claudio Descalzi ha illustrato le strategie di Eni in Italia, dove l’azienda concentra non solo le sue eccellenze tecniche nell’upstream, ma anche il cuore delle attività midstream e downstream, contando su circa 70 mila persone tra personale diretto e indotto.

Negli ultimi tre anni l’azienda ha speso in Italia 15 miliardi di euro e per il prossimo quadriennio prevede di rilanciare con 21 miliardi di euro, per portare avanti un percorso di profonda trasformazione che tocca tutti i settori di business, dall’upstream fino alla raffinazione e alla chimica, dalla generazione di energia elettrica alle bonifiche.

L’obiettivo è quello di dare nuova vita ad asset esistenti in ottica low carbon e di una maggiore efficienza energetica, senza ridurre gli organici, ma investendo nelle tecnologie e nelle competenze e perseguendo così una strategia in controtendenza rispetto al resto del settore, che ha tagliato progetti e disperso capitale umano. I pilastri di questa strategia in Italia sono 4: l’attività di esplorazione e produzione di idrocarburi; la trasformazione dei settori della raffinazione e della chimica; la transizione energetica basata su gas e sviluppo di fonti rinnovabili; le persone, l’innovazione e le competenze.

Nessun commento

Powered by Blogger.