Header Ads

Vincolare i proventi delle multe alla manutenzione stradale


18 febbraio 2016 – La ripresa dell’industria delle costruzioni, la garanzia della sicurezza stradale e la tutela della salute dei cittadini sono tre obiettivi che possono essere raggiunti con un’unica azione: la manutenzione programmata della rete stradale.

 Da qui la proposta di Federmanager, l’Organizzazione che rappresenta i circa 180.000 manager e quadri apicali dell’industria, e di Finco, la Federazione di 38 associazioni del settore delle costruzioni per un totale di oltre 3.100 imprese: vincolare i proventi contravvenzionali alle opere di manutenzione ordinaria e straordinaria programmata (e non a fabbisogno) delle nostre strade.
 «Nell’ambito dell’attuazione della riforma del Codice della strada ci aspettiamo una decisa presa di posizione sulla necessità di stanziamenti vincolati in favore della viabilità che responsabilizzino tutti gli attori coinvolti», ha dichiarato Carla Tomasi, Presidente di Finco a margine dell’incontro avvenuto nella sede nazionale di Federmanager. 
«Invece che penalizzare in modo acritico il guidatore – ha aggiunto la Presidente - ci piacerebbe vedere applicata la direttiva TEN (Decreto Legislativo 35/11) anche alle strade non transnazionali». La Direttiva prevede che le Forze di Polizia verbalizzino, in caso di incidente, anche la situazione “ambientale” e della manutenzione stradale oltre che il comportamento alla guida, e che i gestori si avvalgano di “audit della sicurezza” che certifichino la situazione e impongano interventi correttivi. «Bisogna convincersi che l’investimento in manutenzione non solo rende la viabilità più agevole e sicura, ma si traduce in un taglio significativo della spesa sanitaria che il nostro Paese continua a sostenere a causa di una errata interpretazione del fattore “sicurezza stradale”, che non viene ancora gestito in un’ottica di finanza pubblica e di utilità sociale», ha dichiarato il Presidente Federmanager, Stefano Cuzzilla.

Nessun commento

Powered by Blogger.