Header Ads

Basso impatto ambientale all’Interporto di Padova


20 febbraio 2016 - Interporto Padova ha sempre lavorato per mettere a disposizione del mercato una logistica efficiente e il più possibile sostenibile da un punto di vista ambientale. Il grande impulso dato all’intermodalità ferro-gomma (nel 2015 il Terminal ha movimentato ben 275.000 container attraverso 5.200 treni), Cityporto, il servizio di distribuzione urbana delle merci con mezzi ecologici e la realizzazione di uno dei più grandi impianti fotovoltaici su tetto d’Italia, sono solo alcuni degli aspetti più eclatanti di questo impegno. Proprio grazie a questi risultati, l’Unione Europea ha inserito dal 2013 Interporto Padova tra i nodi “core”, cioè fondamentali, della rete europea dei trasporti merci.

L’incontro svoltosi ieri nella sala Volpato dell'Interporto ha fatto il punto delle attività e dei progetti avviati in questo ultimo periodo da Interporto Padova grazie al convinto supporto dei soci di riferimento, Camera di Commercio, Provincia e Comune, della Regione Veneto e dello stesso Ministero delle Infrastrutture e Trasporti.

 Il presidente di Interporto Padova Sergio Giordani, ha sottolineato: «Le sfide sia tecniche che gestionali che andiamo ad affrontare sono enormi, dobbiamo concretizzare un progetto senza precedenti per Padova e contemporaneamente affrontare il mercato nel quotidiano tenendo sempre presente la rotta migliore.

Alla fine del percorso avremo più che raddoppiato la potenzialità del nodo di Padova aumentando contemporaneamente la redditività e la resa energetica ed ambientale». «Complimenti, oggi dimostrate concretezza – ha commentato il presidente della CCIAA di Padova Ferdinando Zilio- noi vi sosteniamo convintamente perché vi consideriamo uno dei nostri punti di forza». Il presidente della Provincia Enoch Soranzo ha detto: «L'economia reale ha bisogno oggi di tempi e scelte rapide e il mondo della logistica è uno dei primi tasselli indispensabili alla sostenibilità dell'economia.

L'installazione delle nuove gru porterà ad una maggiore efficienza complessiva e noi come Nuova Provincia intendiamo continuare ad affiancare questo grande progetto di sviluppo». Infine il sindaco di Padova Massimo Bitonci ha precisato:
«Interporto è la realtà più importante che abbiamo a Padova e una delle principali di Italia: questo progetto di sviluppo è un segno importante che il Comune e gli altri enti debbono sostenere. Credo che Interporto debba svolgere un ruolo fondamentale in Veneto e nel nord Italia».
Nel suo intervento, l'assessore alle Infrastrutture Trasporti della Regione Veneto Elisa de Berti ha affermato: «Interporto Padova è una realtà strategica nella politica trasportistica del Veneto; come Regione abbiamo cofinanziato negli anni scorsi l'ampliamento del Terminal Container una scelta giusta che ha contribuito ad attrarre nuovi traffici al punto che anche negli ultimi due anni, 2014 e 2014 il numero dei container è cresciuto. Efficienza e innovazione sono due obiettivi che come Regione condividiamo e supportiamo».

Nessun commento

Powered by Blogger.