Header Ads

Bestack a Fruit Logistica 2016


30 gennaio 2016 - E’ tutto pronto per la nuova edizione di Fruit Logistica, la vetrina di riferimento a livello internazionale per aziende, retailer, buyer e operatori del settore ortofrutticolo, in programma dal 3 al 5 febbraioalla Fiera Messedi Berlino. Bestack, il consorzio non profit di ricerca che riunisce i produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta, torna in fiera nello spazio collettivo del CSO – Ice – Fruitimprese - Italia Ortofrutta, sotto l’ombrello del Marchio Italy, insieme a una quarantina di aziende che rappresentano le eccellenze italiane del settore: l’area espositiva - Padiglione 2.2, stand A04 - è la più grande di sempre. In particolare il consorzio cura parte degli allestimenti nell’area eventi e degustazione: qui il cartone ondulato avrà un ruolo da protagonista.

A fare da scenografia sarà infatti una parete di cassette a marchio Bestack - bianche, eleganti, pulite - a servizio della valorizzazione del prodotto.

E con uno sguardo verso il futuro del comparto: un futuro in cui il packaging vada oltre le sue mere funzioni logistiche e conquisti un ruolo da protagonista nella personalizzazione del prodotto e del brand, nella comunicazione di qualità, tipicità e italianità, nella lotta contro gli sprechi e nella salvaguardia dell’ambiente.
 “L’anno appena concluso, tra tuttele recenti crisi che ci lasciamo alle spalle, è stato quello con i maggiori indizi di stimolo per il settore ortofrutticolo, quello in cui abbiamo messo in campo tante idee e iniziative, e buttato tanta legna nel camino. Il 2016, proprio per questo, deve essere l’anno in cui diamo fuoco al camino – dichiara il direttore di Bestack, Claudio Dall’Agata – Sel’obiettivo è rinnovare la capacità competitiva del settore ortofrutticolo italiano, la ricetta non è semplice, ma noi abbiamo un’idea. Un auspicio, più che altro: cambiamo marcia alla nostra comunicazione, in chiave soprattutto consumer, mettiamo da parte l’autoreferenzialità e parliamo al consumatore. Andiamo verso una ‘coolizzazione’ di frutta e verdura italiana”.

Nessun commento

Powered by Blogger.