Header Ads

Ambiente, riforma norme per dragaggi nei porti


23 dicembre 2015 - "Con l'ok al Collegato Ambientale si conclude la riforma delle norme per i dragaggi nei porti italiani”. Lo dichiara in una nota, Silvia Velo, Sottosegretario di Stato all’Ambiente.

 “Nel provvedimento che è diventato legge, vengono infatti semplificati i criteri di costruzione delle casse di colmata e delle vasche di raccolta. In questo modo si semplificano le operazioni di dragaggio, ma allo stesso tempo si tutelano le acque e il suolo attraverso le migliori tecnologie disponibili, tenendo conto della tipologia di materiale che si va a trattare caso per caso. Inoltre, grazie al lavoro svolto da un gruppo di lavoro istituito, presso il Ministero dell'Ambiente, a cui hanno preso parte il Ministero dei Trasporti, il Ministero della Salute, ISPRA, ISS e il CNR, sono state definite le linee guida e i valori di riferimento che consentono l’automatica deperimetrazione delle aree a mare da Sito inquinato di Interesse Nazionale a Sito di Interesse Regionale” .

 “Due interventi – ha aggiunto Velo – che assieme a quelli presentati nei giorni scorsi a Livorno sulle modalità di dragaggio nelle aree portuali che ricadono all'interno dei SIN e al regolamento per l’immersione in mare dei materiali dragati, vanno a completare un percorso di riforma del settore atteso da anni. Era un impegno che avevamo preso alcuni mesi fa e che abbiamo mantenuto” – ha concluso Silvia Velo.

Nessun commento

Powered by Blogger.