Header Ads

Concluso il workshop sardo di Poseidon Med


25 Novembre 2015 - Concluso con successo ieri il workshop sardo del progetto Poseidon Med, organizzato dall’Autorità Portuale di Cagliari e la CICT S.p.A. presso la sala convegni del terminal polifunzionale dell’AP di Cagliari - Molo Ichnusa.

 Durante la giornata sono stati illustrati lo stato dell’arte ed i progetti di sviluppo relativi al LNG con i relativi punti di forza nell’utilizzo di gas naturale. Inoltre è stato posto l’accento che ad oggi esiste solo un punto di bunkeraggio in Grecia e presto ne nascerà uno in Spagna, quindi la posizione della Sardegna risulterebbe essere strategicamente centrale nel Mediterraneo trovandosi naturalmente sulla rotta tra Gibilterra e Suez.

A tale proposito è stato anche evidenziato che un polo del LNG in Sardegna potrebbe rappresentare un importante occasione di sviluppo non solo per le ricadute economiche derivanti da un eventuale punto per il bunkeraggio delle navi ma anche perché si potrebbe pensare, con i dovuti accorgimenti tecnici, di rifornire la rete isolana di distribuzione ai cittadini. Il futuro dello shipping mondiale è orientato all’utilizzo di combustibili a basso impatto ambientale e tra questi il gas è economicamente interessante in quanto, ad oggi, non gravato delle accise imposte al gasolio.

Il gruppo Contship che gestisce il terminal container di Cagliari con la CICT SpA oltre ad essere uno dei partner del progetto Poseidon Med, mostra interesse per la distribuzione di questo combustibile per tutta la catena logistica delle merci sia a mare sia a terra. Infatti grazie alla collaborazione con IVECO ha avviato una sperimentazione per il rifornimento ai camion. I terminal portuali potrebbero rappresentare un logico punto di rifornimento per il gran numero di camion che vi transitano stimolando il sempre maggiore utilizzo di questo carburante.

 POSEIDON MED è il primo progetto Cross Border europeo che mira a introdurre il LNG come principale combustibile per il settore dei trasporti marittimi e sviluppare una rete di infrastrutture sufficiente per il bunkeraggio delle navi alimentate a gas liquefatto. Il progetto si concentra nella regione del Mediterraneo orientale ed è realizzato grazie all’adesione degli Stati membri: Cipro, Grecia, Italia, Croazia e Slovenia, tutti coinvolti, grazie a partner pubblici e privati, per la realizzazione di workshop ed approfondimenti.

Nessun commento

Powered by Blogger.