Header Ads

A Piazzale Roma una bara di cristallo per il porto di Venezia?


Sarà una grande bara di cristallo piena di testimonianze di quanto sta facendo naufragare posti di lavoro e aziende posizionata all’ingresso di Venezia, a Piazzale Roma, per ricordare a residenti e
turisti che il porto crocieristico, commerciale ed industriale di Venezia con lavoratori e operatori sta morendo? E’ questa la provocatoria ipotesi lanciata e condivisa da gran parte degli operatori associati nell’International Propeller Club Port of Venice riunitosi venerdì scorso per l’annuale “charter night” nel prestigioso hotel Luna Baglioni di Venezia.
 “Per il traffico crocieristico siamo ancora in alto mare con l’unica certezza, questa sì, che dal 1° gennaio alle navi di oltre 96.000 tonnellate di stazza non sarà più consentito il transito per il bacino di San Marco e ciò – come avrete certamente appreso dalla stampa – mentre alcune compagnie, come per esempio Costa Crociere, hanno già scelto Trieste come home port ma quel che è più grave, per la mancanza di decisioni sulle tante ipotesi progettuali da adottare in via alternativa al transito per il canale della Giudecca e il bacino di San Marco.
Dunque, una sonora sconfitta che certamente avrà ricadute negative sia sul piano economico che occupazionale. Passando al porto commerciale non mi sembra che anche qui si possa cantar vittoria vista la crisi in cui versano i vari terminals con caduta di traffici e conseguente cassa integrazione. Non parliamo poi del porto industriale oggi al limbo in attesa dell’annunciato piano di riconversione di Porto Marghera.
Facendo una breve sintesi dello stato dell’arte della portualità veneziana, volutamente escludendo il porto di Chioggia del quale non si conosce ancora il destino, la situazione non è certo rosea anzi, per certi aspetti drammatica se pensiamo che da troppi anni oramai abbiamo sentito “grandi annunci per grandi progetti”: dal Napa alla piattaforma off shore, alle varie ipotesi progettuali per le grandi navi, all’ipotizzato sistema dell’alto Adriatico, alle grandi infrastrutture autostradali e ferroviarie ecc. ecc.: il tutto con scadenze lontane, purtroppo troppo lontane rispetto alla crisi che attanaglia il nostro porto!
Di fatto, a parte il nuovo terminal ro/ro in via di completamento a Fusina, peraltro utilizzato dalla sola Anek Lines a fronte di un investimento di oltre 220 milioni di euro, nulla di nuovo sotto il sole mentre mancano pochi mesi al congedo e alla non rieleggibilità del presidente del porto Paolo Costa, al rinnovo dell’amministrazione comunale con le prossime elezioni di maggio, alla rielezione del CdA della Venezia Terminal Passeggeri in scadenza, alla speriamo prossima conclusione dell’iter fallimentare dell’Interporto di Venezia che ci auguriamo, riprenda presto a funzionare a pieno regime, alla chiusura di agenzie marittime e alle difficoltà di molte imprese di spedizione che per sopravvivere scelgono altri porti più competitivi”. 
Questo il quadro tracciato dal presidente dell’International Propeller Club Port of Venice Massimo Bernardo.

Nessun commento

Powered by Blogger.