Header Ads

La crocieristica in Italia: stato dell’arte e prospettive future


Potenzialità di crescita sia del traffico crocieristico nei porti nazionali sia della domanda di crociera da parte degli italiani. E ancora prospettive di sviluppo per gli scali minori e investimenti da parte dei
territori per rendere ancora più attrattivo il prodotto crociera. Queste in sintesi le tematiche principali emerse all’interno della sessione plenaria di apertura di Italian Cruise Day 2014, il forum di riferimento sull’industria crocieristica italiana ideato e organizzato da Risposte Turismo svolto ieri presso la Stazione Marittima di Napoli.

 Nel suo intervento, Salvatore Lauro – Presidente Terminal Napoli – ha sottolineato l’importanza della condivisione del progetto tra l’imprenditore turistico, e quindi le stesse compagnie armatoriali, e le istituzioni, in modo da creare reti di impresa che possano aprire le città alla crocieristica e viceversa. Leonardo Massa – Country Manager Italia MSC Crociere – ha evidenziato come la crescita del settore crocieristico in Italia non debba essere legata solamente all’aumento dell’offerta ma anche alla capacità delle compagnie di raccontarsi ai vacanzieri italiani e di far preferire il prodotto crociera rispetto alle altre formule di vacanza.
 Gian Luigi Miazza – Presidente Ligurian Ports Alliance – ha invece posto l’attenzione sull’importanza di creare delle sinergie tra autorità portuali ed enti territoriali – Camera di Commercio, Provincia, Comune, Regione – per realizzare quella qualità del servizio che viene apprezzata dalla clientela del prodotto crociera. Neil Palomba – Senior Vice President Hotel Operations and Product Development Costa Crociere – ha sottolineato l’importanza per il crocierista di poter usufruire di strutture portuali in grado di ridare la stessa esperienza che si vive a bordo.

Palomba, inoltre, ricordando come il prodotto crociera abbia ancora ampi margini di crescita, ha ribadito il ruolo centrale della valorizzazione dei territori per rendere ancora più attrattive le destinazioni. Gianni Rotondo – Direttore Generale Italia Royal Caribbean International - ha ribadito come i due elementi principali per sviluppare il fenomeno crocieristico siano da un lato l’innovazione applicata al prodotto nave e dall’altra la diversificazione dei servizi per raggiungere i diversi segmenti di mercato.

Nel pomeriggio, si sono tenute due sessioni parallele dedicate al futuro sostenibile della produzione crocieristica e alle competenze e professionalità per entrare e affermarsi nel comparto. La prima giornata di Italian Cruise Day 2014 si è conclusa con la sessione plenaria di chiusura intitolata “Verso Sud: la crocieristica nel Mezzogiorno tra opportunità ed ostacoli”.

Nessun commento

Powered by Blogger.