La riforma dei porti non si sblocca


Sblocca Italia blocca la riforma dei porti italiani: gli ormai evidenti dissidi tra il Presidente del Consiglio Renzi ed il Ministro Lupi in materia di porti hanno portato ad uno stralcio della materia dal recente documento di
sviluppo e rilancio dell’economia italiana rimandando le decisioni sulla riorganizzazione dei porti ad un (forse) prossimo futuro.

 Sembra che al momento abbia vinto la lobby dei porti, o meglio la lobby di quelli che decidono il futuro dei porti; si sa che questi sono infrastrutture strategiche per lo sviluppo economico di un’area e quindi non è il caso di fare confusione nel momento in cui alcuni porti (alto Tirreno e alto Adriatico) stanno programmando e investendo in progetti di grande portata economica e strategica, appunto.

Le Autorità portuali sono ancora 24 di cui ben 9 commissariate, segno anche questo non di pessima attenzione da parte del governo, ma di una volontà di mantenere sotto stretto controllo “infrastrutture strategiche per lo sviluppo economico”.

Posta un commento

0 Commenti