Header Ads

Trasporto marittimo campano trasparenza per piani tariffari

 
Abolizione delle agevolazioni per pendolari e residenti sulle rotte del Golfo di Napoli. E non solo. Sergio Vetrella, Assessore ai Trasporti della Regione Campania, illustra a
PORTO&diporto il piano di riorganizzazione dei piani tariffari del trasporto marittimo. “Un’iniziativa – spiega l’assessore – che modifica in modo radicale il sistema vigente. Introduce criteri trasparenti nella determinazione dei prezzi e permette, ad un tempo, una razionalizzazione delle risorse e più qualità nel monitoraggio dei servizi”.   
Perché intervenire su questa materia?
Le attuali tariffe del trasporto marittimo non seguono una logica lineare. Frutto di una evoluzione storica in cui sono confluite scelte di natura eterogenea producono spesso situazioni paradossali. In alcuni casi, ad esempio, rotte più brevi registrano costi maggiori. In mancanza di un collegamento univoco tra il prezzo e il parametro che lo avrebbe dovuto giustificare è nata così l’esigenza di mettere a punto un quadro di riferimento più trasparente. Abbiamo messo a punto una nuova metodologia di calcolo, basata sulla distanza percorsa, che determinerà nel tempo il massimo livello di uniformità dei prezzi. L’obiettivo è eliminare le distorsioni e valutare i costi dei biglietti in base alle miglia percorse.
Quali saranno le principali novità?
La salvaguardia del bilancio familiare è al centro della nostra impostazione. In quest’ottica abbiamo individuato una scala di priorità discendente che prevede abbonamenti annuali, mensili, carnet e biglietto singolo. Con l’eliminazione delle categorie pendolari e residenti il ticket ordinario, uguale per tutti, sarà offerto a un prezzo leggermente diminuito rispetto ad oggi: il risparmio sarà invece più consistente per gli abbonamenti. Una nuova impalcatura che permetterà, tra l’altro, un’ottimizzazione dei costi aggiuntivi legati ai controlli. Sulle banchine, dover verificare tra differenti tipologie di biglietti, è tra i motivi di maggior criticità a livello operativo.
Non teme la reazioni degli abitanti delle isole?
Per i residenti è stata pensata una soluzione ad hoc. Partendo dal presupposto che l’aumento sulla singola corsa non incide più di tanto sul bilancio, saranno predisposti carnet da 10 biglietti ad un costo complessivo pressoché equivalente a quello attuale. Venendo incontro alle esigenze dei cittadini isolani otterremo un ulteriore vantaggio in termini di semplificazione. Saremo in grado, anche grazie alla prossima introduzione del biglietto elettronico, di valutare meglio i ricavi sulla singola rotta e, in generale, di monitorare la qualità del servizio.
Quando partirà il piano?
Entro la fine di giugno lanceremo gli avvisi per le manifestazione di interesse, tra luglio e settembre i bandi di gara. A meno di intoppi amministrativi, il sistema dovrebbe essere a regime prima dell’estate 2015.

(leggi l’intervista completa su PORTO&diporto giugno 2014)


Giovanni Grande

Nessun commento

Powered by Blogger.