Header Ads

Il Progetto Razvitie: un ponte tra popoli e Stati

Un mega progetto integrato di sviluppo da realizzare in 10-20 anni con investimenti stimati in 1,5 trilioni di dollari e la creazione di 12 milioni di nuovi posti di lavoro: sono queste le cifre che
hanno accompagnato la presentazione del progetto russo di corridoio euro-asiatico Razvitie illustrato a Roma da Vladimir Yakunin, presidente delle Ferrovie di Stato russe, dal vice presidente Boris Lapidus, dal presidente della Millenium Bank, Mikhail Baydakov. Razvitie si presenta, innanzitutto, come un corridoio multi-infrastrutturale che ha l’obiettivo di collegare con un sistema del tutto nuovo la costa del Pacifico con il Mar Baltico e l’Atlantico, coinvolgendo in Oriente paesi come la Cina e il Giappone e in Occidente numerosi
Stati europei. Un corridoio che attraverserà il continente euro-asiatico e che sarà composto da un mix di collegamenti ferroviari, stradali e autostradali, linee elettriche, linee cablate, condotte per il petrolio e il gas, canalizzazioni delle acque; per di più, il percorso sarà accompagnato dalla fondazione di parchi tecnologici e nuove città (almeno dieci).
Il progetto riprende la tradizioni dei grandi piani che nel secolo scorso promossero l’industrializzazione della Russia e punta alla ricomposizione del continente euro-asiatico come soggetto attivo di primo piano sulla scena mondiale. Ma è qualcosa di diverso dai tradizionali piani di sviluppo – ha sottolineato Vladimir Yakunin – perché il suo obiettivo non è semplicemente quello di dare un impulso alla crescita dell’economia, ma promuovere uno sviluppo solidale tra popoli diversi per civiltà e tradizioni, caratterizzato dall’uso delle tecnologie più avanzate, la sperimentazione di un nuovo approccio alle compatibilità ambientali, il miglioramento della qualità della vita delle popolazioni interessate. Con il progetto Razvitie, la Russia intende, insomma, avanzare una proposta concreta per cambiare i paradigmi economici. In questa ottica, ha precisato il presidente della Millenium Bank, Mikhail Baydakov, il sistema bancario dovrà ri-orientarsi verso le esigenze della economia reale e il sostegno agli investimenti realmente innovativi a lungo termine.
Razvitie sarà realizzato per moduli – sezioni di 2-300 Km – e sulla base dell’esperienza maturata con i progetti pilota, che in parte sono già stati avviati dalla Russia in Cina e in Giappone. In Cina, ad esempio, la Russia collabora alla costruzione della città ecologica di Jianjin, alla riconversione ecologica delle città di Liangjam e Daliam; in Giappone, alla organizzazione di Yokohama come smart city e alla elaborazione del progetto “città del futuro” predisposto dalla compagnia Hitachi; nelle isole Maldive, sono in atto progetti che riguardano la conservazione delle acque. Tutte esperienze che saranno riportate nelle nuove città la cui costruzione è prevista da Razvitie.

Nessun commento

Powered by Blogger.