Header Ads

Emanuele Grimaldi al Green Shipping Summit

Nel corso della sessione di chiusura del Green Shipping Forum, svoltosi il 27 giugno nell’ambito della Naples Shipping Week, Emanuele Grimaldi, Presidente di Confitarma, ha affermato che “Gli armatori guardano con attenzione alle norme dell’IMO, ed anche a quelle dell’Unione europea, che a breve entreranno in vigore comportando obblighi ed oneri non indifferenti”.
“Non voglio mettere in discussione la necessità di queste nuove importanti normative ambientali - ha proseguito il Presidente di Confitarma – e non mi stancherò mai di ripetere che lo shipping è un settore attento alla salvaguardia ambientale, che si è impegnato a dare piena attuazione alle nuove misure ed è pronto ad investire miliardi di dollari per migliorare le sue perfomance. Ma resta il fatto che le nuove normative, oltre a comportare co
sti aggiuntivi rilevanti entreranno in vigore più o meno tutte allo stesso tempo, richiedendo interventi anche sulle unità già esistenti”.

Le diverse Amministrazioni devono ancora assumere una chiara posizione riguardo all’implementazione dei nuovi limiti del tenore di zolfo nei combustibili per uso marittimo o le possibili esenzioni locali alla Convenzione Internazionale per il controllo e la gestione dell’acqua di zavorra e dei sedimenti provenienti dalle navi (Ballast Water Management Convention) – non ancora in vigore e non ancora ratificata dall’Italia.
“L’auspicio – ha affermato il Presidente Grimaldi, rivolgendosi a Koji Sekimizu, Segretario Generale dell’International Maritime Organization - è che gli Stati membri dell’IMO siano in grado di dare una risposta a queste problematiche nel corso del 2014, nell’interesse, non solo dell’industria armatoriale ma di tutta la collettività.Credo sia ragionevole da parte degli armatori aspettarsi che le Amministrazioni sapranno correttamente attuare e far rispettare questi nuovi regimi”.

Nessun commento

Powered by Blogger.