Header Ads

Altro che “Concordia” – è guerra tra Liguria e Toscana

 Genova ci crede fortemente, l’affare Concordia è un bocconcino troppo succulento per lasciarselo sfuggire, ma la Toscana non molla l’osso.L’ultima stoccata in ordine di tempo è
venuta dal presidente dell’Autorità portuale del capoluogo ligure, Luigi Merlo che ha rinfacciato al presidente della regione Toscana, Enrico Rossi, di metterla in caciara, sembra allo scopo di nascondere alcuni errori di valutazione nella vicenda della demolizione Concordia. Secondo il presidente Merlo si rischia in questo  modo di lasciare il relitto per sempre al Giglio, mentre la conferenza dei servizi è l’unico organo, sempre secondo Merlo, in grado di esprimere valutazioni tecniche e non politiche.
Il presidente del porto di Genova rincara la dose ponendo l’accento sul fatto che nessuno dei tre porti toscani sia adeguatamente attrezzato per eseguire i lavori, mentre a Genova non si dovrebbe spendere denaro pubblico per adeguare infrastrutture al lungo e delicato lavoro di smantellamento del relitto. Merlo non perde occasione per rimarcare la necessità di intervenire sul sistema portuale italiano che dia una vera programmazione nazionale, attraverso una cabina di regia. (preferibilmente affidata a Genova, ndr).

Nessun commento

Powered by Blogger.