Header Ads

Expò 2015 e infiltrazioni malavitose

"I documenti a posto non sono sufficienti. Siamo determinati nel voler contrastare le infiltrazioni malavitose nell’autotrasporto". Con queste parole il vice-presidente nazionale della CNA-Fita, Patrizio Ricci, ha
sintetizzato la proposta che l’associazione ha presentato alla V° Commissione Trasporti della Regione Lombardia, spiegando come in concomitanza dell’Expò 2015 e in questo durissimo momento di crisi economica non basti più fermarsi nei controlli alla superficiale correttezza dei documenti presentanti dall’impresa. Nella relazione, il vice-presidente nazionale dell’associazione artigiana, ha argomentato le numerose incongruenze oltre alle elaborate pratiche con cui le forze malavitose, quotidianamente, insidiano imprese in difficoltà perché strangolate dal crunch creditizio o dalla impossibilità di ottenere pagamenti in tempi certi.
 “Anche le associazioni - ha proseguito Ricci - debbono collaborare con le istituzioni e sviluppare con esse, al loro interno, nuove sensibilità e conoscenze per contare un fenomeno che sa benissimo come eludere lo scoglio di un camerale o qualsivoglia certificato”. 
A margine dell’incontro si è concordato l’istituzione di un Osservatorio permanente tra le associazioni di categoria, le istituzioni regionali e le forze di polizia, per un monitoraggio costante

Nessun commento

Powered by Blogger.