Header Ads

Zaia risponde al Ministro Triglia sui fondi al Sud

“L’ennesima ricetta per il Sud proposta dal Ministro Triglia è un film già visto, dove la prospettiva di nuovi, molti, fondi pubblici, in questo caso europei, è concreta, mentre il richiamo a farla finita con gli sprechi è una litania sentita mille volte e non ancora visibile in concreto”. 
Con queste parole il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia commenta l’intervista rilasciata dal ministro della coesione territoriale sui problemi del Sud.
 “Se diventasse realtà l’ipotesi di farla finita con gli sprechi – prosegue Zaia – i fondi europei diventerebbero davvero un volano di sviluppo, ma senza un piano strategico di lotta ai buchi neri, rischierebbero di essere come l’acqua che scorre in una conduttura bucata”. “Noi – prosegue Zaia – vogliamo vedere riscattati i cittadini del Sud, che sono le prime vittime della mala gestione e che meritano ben diverso futuro. Si cominci dall’introduzione dei costi e fabbisogni standard, non solo in sanità dove sono una priorità assoluta, ma in generale nell’ambito della spesa pubblica e si abbia l’umiltà di copiare le buone pratiche che più di una Regione italiana può proporre. Con i criteri con cui spendiamo i soldi pubblici in Veneto, ad esempio, lo Stato risparmierebbe 30 miliardi l’anno, pari ad una maximanovra, e non dovremmo subire lo scempio del patto di stabilità, inventato per coprire con i soldi dei virtuosi i buchi degli spreconi e far così apparire in pareggio il bilancio statale”. “Quello – conclude Zaia - che oggi tiene bloccati in tesoreria centrale 1 miliardo e 300 milioni che sono del Veneto e dei veneti e che per questo non possiamo utilizzare dovendo, massimo dei paradossi, chiedere a Roma un prestito pressoché di pari importo al tasso del 4% per pagare i fornitori della nostra sanità”.

1 commento:

  1. Il blasonato centro "Studi e Ricerche per il Mezzogiorno" (SRM) che produce eccellenti studi economici per tutti gli ambiti economici nazionali qualche mese fa dichiarava: Il Mezzogiorno d’Italia non è una cenerentola nella Ue. Anzi, con un Pil di 360 miliardi, il Sud d’Italia costituisce una regione medio grande, “l’ottava economia europea, tutt’altro che marginale a livello di regioni importanti come la Baviera o di paesi come il Belgio e più della Polonia”. La questione Mezzogiorno non esiste! I buchi neri del Sud sono creati da politici incapaci in maniera.... bipartisan! Perchè non mettere alla guida della pubblica amministrazione meridionale dei veri manager e non dei politici...

    RispondiElimina

Powered by Blogger.